Titolo visibile
 
 
 LOCALI
Indice
Ristoranti Italia
Ristoranti Lazio
Pizzerie Napoletane
Ricerca per Regione
Ricerca Avanzata
Cucina Estera
Cucina Regionale
 
 PROGRAMMAZIONE
Indice
Html
Flash
JavaScript
VBScript
Java
 
 CULTURA
Scuole Private
Aforismi
Giornali Online
Dizionari
Matematica
 
 

Dolcificano ma non fanno meno male dello zucchero.
Il principale vantaggio di questi prodotti e' quello di migliorare i livelli di autostima di chi li usa (conclusione dell'American Dietetic Association). Certo anche al bar non mancano chiari esempi di questa affermazione: capita al bar di vedere qualcuno che dolcifica il cappuccino con dell'aspartame o saccarina e poi si concede una brioche con crema !
L'Inran (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione) da anni spiega che "l'uso di edulcoranti non permette da solo di diminuire il peso corporeo se non si diminuisce la quantita' totale di calorie introdotte con la dieta e non si aumenta l'attivita' fisica". No, proprio non si scampa ! Bisogna aumentare l'attivitą fisica e il moto quotidiano..
Effetto placebo ? Tranelli ? Trovate commerciali. Cominciamo con il fare distinzione tra gli edulcoranti; essi si dividono in tre categorie: gli zuccheri naturali (fruttosio o levulosio, sciroppo di glucosio); i polioli (sorbitolo, xilitolo, maltitolo); gli edulcoranti intensi (aspartame, saccarina, ciclamato, acesulfame).
I primi hanno lo stesso potere calorico del saccarosio (ottenuto dalla barbabietola o dalla canna da zucchero) e possono provocare carie; i secondi sono meno cariogeni e hanno un potere calorico di 2,4 Kcal/g contro le 4 Kcal/g degli zuccheri naturali.
Gli edulcoranti intensi non danno problemi di carie e hanno un apporto calorico pressocche' nullo.
Tra gli effetti negativi dei polioli assunti in quantita' eccessiva e' che hanno effetto lassativo. Gli edulcoranti intensi invece sono estranei al normale metabolismo (sono sconsigliati ai bambini sotto i tre anni e alle donne incinta o in allattamento).
Per il resto della popolazione e' bene, comunque non superare le dosi massime consigliate e fare presente che questo tipo di "zucchero" e' presente soprattutto nelle bibite "light" ma e' presente anche in altri prodotti quali yogurt o caramelle cosidette "senza zucchero".

Tratto dal giornale LiberEta'
 
 LOCALI - RICERCHE
Avanzata
Per Regione
Solo Pizzerie
Solo Internazionale
Solo Italiana
Per Tipo Cucina
Per Città nel Lazio
 
 SITO
Contattaci
Segnala locale
Feed Rss
Segnala un errore
Guestbook
News
Aggiungi a preferiti
Imposta Homepage
Segnala un Sito
Iscriviti
Login
 
 RICETTE CUCINA
Indice Ricette
Primi
Carne
Pollame
Pesce
Dolci
Cocktail
   
 
Questo sito e' un sito non commerciale e potrebbe riportare informazioni non aggiornate e/o non corrette. Leggi il disclaimer sottostante.

Lavoro |  Home |  Locali |  Info                   000967                 Disclaimer |  Portale |  Blog |  Ricette